Psicologia

Bulimia, da cosa nasce e come si cura?

La bulimia, condizione che interessa un numero elevato di individui, non solo giovani, attualmente può essere contrastata e sconfitta, con la giusta diagnosi e i trattamenti opportuni.

Incontra uno psicologo
Bulimia, da cosa nasce e come si cura?

La bulimia rappresenta un disturbo dell’alimentazione che affligge una quantità piuttosto importante di persone. E riguarda non solo i giovani, ma più fasce di età, oltre che diverse estrazioni sociali.

È stato calcolato che complessivamente, nel mondo, sono 70 milioni le persone che soffrono di disturbi alimentari (bulimia nervosa e anoressia nervosa).

In Italia sono 2 milioni le persone che soffrono di DCA, sigla che indica i disturbi del comportamento alimentare. Con la giusta diagnosi è comunque possibile intervenire e restituire al paziente una qualità di vita soddisfacente. Elvira Simona Solimandopsicoterapeuta del Centro Medico Santagostino, ci spiega cause e interventi terapeutici di questo disturbo alimentare.

Prenota un primo colloquio

Cos’è la bulimia?

La bulimia è una condotta alimentare in cui grandi abbuffate di cibo si alternano a episodi di vomito autoindotto, o periodi di depurazione. Questi episodi, caratterizzati da senso di colpa ed emozioni negative, servono a “pareggiare” l’eccessiva quantità di cibo ingerito. Il termine bulimia viene dal greco antico ed è composto dalle parole bôus e limós, bue e fame. Quindi con il termine bulimia si indica, alla lettera, una fame da bue.

La bulimia, insieme all’anoressia, è tra i disturbi alimentari più diffusi. In Italia questo disordine alimentare ha una prevalenza compresa tra l’1% e il 5%.

L’esordio del disturbo si assesta tra i 15 e i 18 anni, due date estremamente delicate e simboliche, che indicano la pubertà e l’ingresso nel mondo degli adulti, con tutto il carico di responsabilità e insicurezze che il passaggio comporta.

L’incidenza in Italia

Stando alla SISDCA, la Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, 12 donne su 100.000 si ammalano di bulimia, mentre i casi tra gli uomini sono 0,8 ogni 100.000 persone. A queste cifre di riferimento vanno affiancate altre due fasce d’età apparentemente insospettabili: bambine e bambini tra gli 8 e i 9 anni di età e adulti over 40.

La bulimia, come gli altri DCA, colpisce in oltre il 95% dei casi donne e ragazze, e solo meno del 4% uomini e ragazzi. Anche se negli ultimi anni il numero dei pazienti bulimici di sesso maschile è tendenzialmente in aumento.

Come capire se si soffre di bulimia?

Il DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, giunto alla quinta edizione rivisitata) fornisce dei criteri clinici per una diagnosi di bulimia nervosa:

  • il soggetto, per tre mesi e per almeno una volta alla settimana, deve avere episodi in cui indulge ad abbuffate di cibo. Questi episodi si caratterizzano per la sensazione di perdere il controllo sulla propria alimentazione
  • come per compensazione, il soggetto ricorre a comportamenti del tutto inadeguati per rimediare alle abbuffate di cibo. Questa compensazione viene definita spurgo bulimico
  • il soggetto, infine, valuta sé stesso in modo improprio solo per il proprio peso e le forme, esprimendo eccessive preoccupazioni per il peso.

Due tipi di “voracità incontrollata”

Vengono poi riconosciuti due tipi di bulimia:

  • bulimia purgativa, quando la persona affetta pone in essere delle condotte di eliminazione quali vomito, assunzione di clisteri, lassativi, diuretici o altri farmaci simili
  • bulimia non purgativa, nella quale la compensazione viene posta in essere per mezzo dell’eccessiva attività fisica oppure il digiuno.

Una diagnosi spetta comunque ad un professionista: lo psicologo, lo psichiatra, senza escludere figure quali medici esperti nei disturbi del comportamento alimentare e dietologi.

Il professionista parte da un esame obiettivo, nel quale ha modo di calcolare l’indice di massa corporea, osserva l’aspetto di capelli e pelle, valuta il ritmo cardiaco, il tono muscolare. Per poi dedicarsi a una indagine sulle condizioni della dentatura e del cavo orale.

Completano la diagnosi le analisi di laboratorio, un emocromo e il livello degli elettroliti.

Come si comporta una persona bulimica?

Le abbuffate a cui si abbandona una persona bulimica vengono di solito svolte in completa solitudine. E, al netto di questa estrema e disfunzionale oscillazione tra grande ingestione di cibo e attività compensatoria, la persona bulimica tende ad essere normopeso, perché spesso “si corregge” seguendo una dieta ferrea. A differenza di chi soffre di binge eating, condizione che comporta un aumento di peso.

Sul piano emotivo, gli stati di ansia si alternano a sensazione di vuoto, la persona tende ad autocolpevolizzarsi, e il senso di solitudine allontana dal nucleo familiare e dalla cerchia degli affetti. Anche per questa ragione purtroppo a volte è difficile, per chi ha a che vedere con una persona bulimica, accorgersi di cosa stia realmente accadendo.

Il cibo, assunto in quantità consistenti, viene utilizzato come strumento per riempire il senso di vuoto e di solitudine che attanaglia l’individuo bulimico. Si innesta un circolo vizioso per il quale il troppo mangiare determina vergogna, la vergogna fa chiudere in sé la persona, e la solitudine viene colmata con il troppo mangiare.

Accanto all’ansia, quindi, si corre il rischio di sviluppare forme di depressione.

Perché si soffre di bulimia?

I fattori che concorrono allo sviluppo della bulimia appartengono a sfere diverse della vita, interiore e sociale, di un individuo. Per certo, la persona che soffre di bulimia ha una percezione distorta dell’immagine del proprio corpo, oltre che del proprio peso.

Esistono certamente dei fattori di ordine psicologico:

  • l’ansia e la depressione sembrano avere un ruolo nello sviluppo di questa patologia
  • anche le difficoltà nella gestione dello stress concorrono
  • la scarsa autostima è un ulteriore fattore di rischio
  • chi è portato a soffrire di ossessioni o compulsioni, se non di un vero e proprio disturbo ossessivo compulsivo, rischia di incorrere nella bulimia.

I fattori ambientali

Oltre a questi fattori, possono essere indicati anche fattori di ordine ambientale, termine con il quale si definiscono fatti, circostanze oppure eventi che potrebbero determinare condizionamenti nel vissuto di un individuo:

  • l’importanza e il valore dati alla magrezza, comparata in modo del tutto arbitrario alla bellezza è, a detta degli esperti, uno dei fattori ambientali che maggiormente hanno causato il diffondersi dei disturbi alimentari
  • lavori e attività sportive che richiedono un fisico notevolmente magro
  • lo stress emotivo, che può essere causato da molteplici eventi: la perdita di una persona cara o del lavoro, un trasferimento, la fine di una relazione
  • la pubertà e i suoi cambiamenti possono rappresentare per l’adolescente una fonte di disagio molto potente
  • le vittime di abusi sessuali e di violenze fisiche sembrano avere maggiori possibilità di sviluppare questa patologia.

Che conseguenze determina questo disturbo alimentare?

La persona che ha un comportamento di tipo bulimico soffre di sintomi e ripercussioni che interessano il suo corpo e che riguardano più aspetti:

  • l’intestino può manifestare costipazione, o stitichezza, conseguenza dell’uso del tutto errato di lassativi
  • problematiche dentali, dovute allo smalto attaccato dai succhi gastrici, per via del ricorrente vomito autoindotto
  • problemi nella sfera e nel benessere sessuale: disfunzione erettile per l’uomo, e anomalie del ciclo mestruale
  • la pelle assume un colore che tende al giallo, oltre ad apparire più secca
  • i capelli tendono ad essere più fragili
  • un alito cattivo, con ghiandole gonfie, causato dalle ripetute infiammazioni.

Anche il cuore può risentire di questa condotta alimentare, dal momento che gli squilibri elettrolitici possono essere fonte di arresto cardiaco o di aritmie. La disidratazione rischia di divenire una condizione cronica.

La gravità delle conseguenze è poi direttamente correlata alla gravità della bulimia, divisa in quattro fasi, a seconda del numero di attività compensatorie disfunzionali su base settimanale:

  • lieve, ovvero fino a 3 episodi
  • moderata, tra i 4 e i 7 episodi
  • grave, fino ai 13 episodi
  • estrema, dai 14 a più episodi.

Quale approccio terapeutico adottare?

Indipendentemente dall’approccio terapeutico scelto, l’obiettivo per il paziente consiste nel recuperare un rapporto sano e funzionale con il cibo, lavorando sulle cause e sui fattori che hanno determinato il comportamento alimentare scompensato e dannoso.

Uno strumento fondamentale è dato dalla psicoterapia, che può essere approcciata seguendo diversi indirizzi:

  • la terapia cognitivo comportamentale, che aiuta il paziente a lavorare sui propri pensieri distorti attraverso il loro riconoscimento, così da sviluppare tecniche adatte a disinnescarli
  • la terapia familiare, estremamente indicata per i pazienti più giovani. Con questo indirizzo, la persona lavora insieme al nucleo familiare
  • la terapia interpersonale, che estende la sfera di azione terapeutica anche all’ambiente, non solo familiare, in cui la persona bulimica è immersa, cercando di intercettare quali relazioni interpersonali abbiano inciso per l’esordio della patologia
  • la terapia psicodinamica consiste nell’analizzare le esperienze dolorose dell’infanzia e nell’interpretare le emozioni del paziente. Questo approccio ha rivelato una tendenza a concretizzare i meccanismi di difesa introiettati e proiettivi, analogamente a quello che accade nella scissione, il paziente divide i cibi in due categorie: quelli nutritivi e quelli non sani.

Una combinazione, instabile, tra scissione e proiezione

Cerchiamo di approfondire quest’ultimo approccio. Il cibo indicato come nutritivo può essere ingerito e trattenuto, perché inconsciamente simbolizza l’introiezione delle cose buone. Il cibo non sano è associato inconsciamente all’introiezione delle cose cattive e pertanto viene espulso attraverso il vomito, con la fantasia inconscia che tutte le cose distruttive, odiate e malvagie vengono evacuate.

I pazienti possono temporaneamente sentirsi bene dopo il vomito a causa delle fantasie di evacuazione, ma i sentimenti associati di benessere hanno una breve durata perché sono basati su una combinazione instabile di scissione e proiezione.

Approccio farmacologico e riabilitazione alimentareso

Il secondo strumento cui ricorrere è dato dagli antidepressivi. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sembrano dare un valido contributo per un ritorno alla normalità. Bisogna considerare che i loro effetti arrivano dopo diversi giorni, se non settimane, dalla prima assunzione, e che il dosaggio è un fattore fondamentale per la loro efficacia.

Un terzo importante momento del percorso di ripresa è dato dalla riabilitazione alimentare, che permette al soggetto di recuperare un rapporto concretamente sano con l’alimentazione.

Prenota un colloquio online

Prognosi di questo disturbo alimentare

Il percorso di ripresa, nei casi di patologie come la bulimia, non è semplice né lineare. Con questa consapevolezza, in ogni caso la bulimia può avere una prognosi favorevole e positiva. Tendenzialmente, il periodo dei 10 anni, dalla diagnosi, è una data discriminante.

Entro questo arco di tempo infatti, precisamente fino ai 9 anni, tasso di guarigione si assesta intorno al 68%. Si tratta di una percentuale estremamente incoraggiante, ma ciò vuol dire inoltre che circa un terzo delle persone che soffrono di bulimia tende ad avere delle ricadute.

Una prevenzione è possibile?

Quando si parla di prevenzione, si parla di interventi di tipo sanitario, e non, che anticipino quanto più possibile o intervengano ai primi segnali di malessere della persona, per ridurre gli effetti di questo disordine e intraprendere quanto prima un’attività terapeutica.

Sono tre i tipi di prevenzione: primaria, secondaria e terziaria. Questi tipi di prevenzione hanno come obiettivo la riduzione o l’eliminazione dei fattori di rischio per lo sviluppo della bulimia, l’evitare la cronicizzazione del disturbo e, infine, consistono nel trattamento vero e proprio, volto anche alla prevenzione delle complicanze.

Nella cura della bulimia, come in molte altre patologie di ordine psicologico o psichiatrico, tutto parte dal soggetto e dalla comunità, familiare e affettiva, che lo circonda. Rivolgersi ad un professionista, anche per un primo colloquio on-line, è un primo passo nella direzione della ripresa.

Sfondo foto creata da rawpixel.com

Incontra uno psicologo