Psicologia

La piramide dei bisogni di Maslow

Questa teoria, che prende il nome dallo psicologo statunitense che l'ha sviluppata, descrive i bisogni umani in 5 livelli: da quelli fisiologici fino ai bisogni più raffinati e complessi

Incontra uno psicologo
La piramide dei bisogni di Maslow

Lo psicologo comportamentista statunitense Abraham Harold Maslow sviluppò nel corso degli anni Cinquanta del Novecento, a partire dai suoi studi sulle motivazioni del comportamento umano, la teoria della piramide dei bisogni. 

L’idea che stava dietro questa teoria era quella di aiutare le persone a comprendere i propri bisogni, da una parte, e a soddisfarli, dall’altra, descrivendoli e raccogliendoli in cinque livelli: da quelli fisiologici e più basilari a quelli più complessi.

In questo articolo cercheremo di capire:

  • in che cosa consiste esattamente la teoria della piramide dei bisogni Maslow
  • quali sono le sue origini
  • perché è stata sviluppata
  • quali sono i principali bisogni dell’essere umano e da cosa sono mossi.

Prova il test psicologico

Che cos’è la piramide dei bisogni di Maslow?

La piramide dei bisogni di Maslow è una teoria che descrive i bisogni umani raggruppandoli in cinque livelli differenti. Si parte dalla base della piramide, formata dai bisogni indispensabili e inderogabili per ogni essere umano, senza i quali non sarebbe possibile vivere, fino ad arrivare ai livelli più alti, all’apice della piramide, che sono rappresentati da bisogni progressivamente più raffinati e complessi.

Quali sono i cinque livelli dei bisogni di Maslow?

Le cinque categorie di bisogni su cui si basa la teoria di Maslow, rappresentate dai vari piani della piramide sono, partendo dalla base fino ad arrivare all’apice:

  • bisogni di base (fisiologici)
  • sicurezza
  • sociali
  • stima di sé
  • autorealizzazione

I bisogni della piramide di Maslow sono un modo per semplificare e comprendere i desideri e le necessità umani. Ci sono quelli fisiologici, più basilari, come mangiare, bere e dormire; quelli relativi alla sicurezza, che comprendono sia la sicurezza personale sia quella finanziaria, ad esempio.

Ci sono, poi, i bisogni sociali, che includono i desideri di relazioni e di appartenenza. I bisogni di stimolazione sono bisogni quali la soddisfazione della curiosità e la necessità di crescere e di migliorare. I bisogni di realizzazione sono bisogni più complessi e sono collegati alla necessità di compiere qualcosa di significativo o di avere un senso di scopo nella vita.

Bisogni fisici

Come abbiamo accennato, alla base della piramide di Maslow ci sono i bisogni imprescindibili per l’essere umano. Fanno parte di questo livello, quindi, i bisogni fisiologici, senza soddisfare i quali l’essere umano non potrebbe sopravvivere. Si tratta del bisogno di nutrirsi, bere e riposare

Tra le peculiarità, che li distinguono da quelli degli altri livelli della piramide, ci sono la loro indipendenza l’uno dall’altro, il fatto che siano isolabili e localizzabili in precise aree somatiche e il loro tendere a monopolizzare completamente il focus della persona. Per questo motivo, secondo Maslow, la loro gratificazione è cruciale per lasciare spazio a bisogni di più alto livello.

Bisogni di sicurezza

Il secondo livello della piramide di Maslow è rappresentato dai bisogni di sicurezza che includono il senso di stabilità, la dipendenza, la protezione e l’emancipazione da ansia e paure

Nelle società contemporanea, ad esempio, sono la legge e le forze dell’ordine a gratificare il bisogno di sicurezza dei cittadini.

Bisogni di appartenenza

Salendo di un gradino sulla piramide, troviamo poi il bisogno di appartenenza, che può essere declinato nei rapporti d’affetto o d’amore ed essere soddisfatto dalle relazioni amicali, sentimentali o dall’appartenenza a determinati gruppi.

L’impossibilità di poter assecondare questo bisogno comporterà nella persona un senso di insoddisfazione alimentato da varie privazioni o mancanze, come quella di una famiglia, di amici o di una comunità di riferimento e potrebbe degenerare in disturbi psicopatologici.

Bisogni di stima

I bisogni di stima sono composti dal desiderio di essere rispettato, riconosciuto e approvato.

Per gratificarli è necessario, da una parte, affrontare la vita con un’attitudine positiva e fiduciosa, dall’altra conquistarsi il rispetto e il riconoscimento degli altri attraverso i propri risultati, comportamenti e azioni. Si tratta di un circolo virtuoso, per cui il raggiungimento dei risultati positivi comporta un riconoscimento anche da parte degli altri e, di conseguenza, una maggiore consapevolezza dei propri mezzi e possibilità di fare bene e crescere.

Al contrario, un mancato riconoscimento può determinare senso di frustrazione, scarsa autostima fino a vere e proprie forme di depressione, alimentate da sentimenti di inferiorità e sfiducia in se stessi.

Bisogni di realizzazione

All’apice della piramide di Maslow si trovano i bisogni di autorealizzazione, i più complessi secondo la teoria elaborata dallo psicologo statunitense. I bisogni di autorealizzazione sono quelli che spingono le persone a realizzarsi e a realizzare tutto ciò che hanno sempre desiderato sfruttando le proprie capacità e competenze, che siano fisiche o mentali.

Contrariamente ai bisogni che occupano i livelli inferiori della piramide, questi, secondo Maslow, presentano differenze assai più marcate da persona a persona. La mancata gratificazione dei bisogni di realizzazione può comportare una grave sofferenza a livello psichico.

Come e perché è stata concepita la piramide dei bisogni?

La piramide dei bisogni è stata concepita per aiutare le persone a comprendere e soddisfare i propri bisogni. La piramide si basa sulla teoria che tutti gli esseri umani hanno bisogni fisici, emotivi, sociali e spirituali. Questi devono essere soddisfatti in base alla loro importanza. Ad esempio, i bisogni fisici come l’acqua e il cibo devono essere soddisfatti prima dei bisogni emotivi come l’amore e l’affetto.

In realtà, secondo alcuni critici di questa teoria, a volte possiamo mettere da parte temporaneamente alcuni bisogni di base per soddisfarne alcuni più “alti”. Ad esempio potremmo decidere di dormire per meno ore con l’obiettivo di raggiungere un obiettivo lavorativo importante o superare un esame universitario difficile.

Prova il test psicologico

Quali sono i bisogni più importanti e perché?

Questo è un argomento molto dibattuto e non c’è una risposta univoca.

I bisogni fisici sono certamente importanti, ma i bisogni sociali e di stimolazione sono altrettanto importanti per la maggior parte delle persone. In ultima analisi, è importante comprendere che tutti i bisogni sono importanti in modo diverso per le diverse persone.

Se volessimo dare una risposta, comunque, i bisogni più importanti sono evidentemente quelli primari legati alla sopravvivenza, come l’acqua e il cibo. Questi bisogni sono importanti in quanto senza di essi l’essere umano non potrebbe sopravvivere.

Incontra uno psicologo