Sindrome di Stendhal: l’impatto dell’arte sulla psiche umana

La sindrome di Stendhal, nota anche come sindrome di Firenze, è una manifestazione psico-somatica che provoca malessere fisico. Si verifica quando la persona si trova di fronte a opere artistiche di grande bellezza. Vediamo di cosa si tratta.

Sindrome di Stendhal: l’impatto dell’arte sulla psiche umana

La sindrome di Stendhal è un disturbo psicosomatico che si manifesta davanti a opere d’arte di straordinaria bellezza.

Tale fenomeno, chiamato anche sindrome di Firenze, prende il nome dall’omonimo scrittore francese, Stendhal, che per la prima volta ne descrisse i sintomi a seguito di una visita nel capoluogo fiorentino. 

Ma quali sono le persone più inclini a sperimentare questa affascinante sindrome?

Che cos’è la sindrome di Stendhal? Significato e definizione

La sindrome di Stendhal, anche nota come sindrome di Firenze, è una condizione psicologica transitoria che si manifesta con intensi sintomi somatici e psicologici. Consiste, più precisamente, in una reazione emotiva sproporzionata di fronte a opere d’arte di grande bellezza o esposte in grande quantità. 

Può interessare esperti d’arte ma anche non esperti, coinvolgendoli in una sorta di estasi contemplativa. Si manifesta soprattutto quando ci si trova in spazi limitati, come musei e gallerie.

La sindrome può colpire sia uomini che donne e sembra interessare principalmente viaggiatori solitari, spesso con un buon livello di istruzione e un’età compresa fra i 25 e i 40 anni. Si tratta infatti di persone che hanno una predilezione per le mete artistiche e che sono più inclini delle altre a vivere esperienze emotive intense di fronte alle opere e agli oggetti d’arte.

Benché non sia riconosciuta come una diagnosi ufficiale nei manuali diagnostici standard, come il DSM-5, la sindrome di Stendhal rappresenta un interessante esempio di come l’esposizione all’arte possa influenzare profondamente la psiche umana.

Come si manifesta la sindrome di Stendhal? Effetti e sintomi

Le manifestazioni della sindrome di Stendhal variano da persona a persona e possono essere, come accennato, sia di natura psichica che fisica. Alcune persone riferiscono di sentirsi sopraffatti dalla bellezza delle opere d’arte, provando una sensazione di estasi. Altri possono manifestare affezioni psicosomatiche come:

La sindrome può anche scatenare:

Tuttavia, è bene precisare che non tutti coloro che si trovano di fronte a opere d’arte di notevole valore sperimentano la sindrome di Stendhal. Sembra che sia necessaria una combinazione di fattori, tra cui una predisposizione individuale e una connessione personale con l’opera stessa.

Nonostante l’impatto emotivo intenso e spesso travolgente, la maggior parte dei casi sono transitori e scompaiono nel giro di poche ore o giorni.

Perché si chiama sindrome di Stendhal?

La sindrome di Stendhal deve il suo nome allo scrittore francese Marie-Henri Beyle, noto con lo pseudonimo di Stendhal, che ne descrisse per la prima volta i sintomi nel suo libro “Roma, Napoli e Firenze” nel 1817. 

Durante una visita alla Basilica di Santa Croce a Firenze, infatti, Stendhal sperimentò una serie di stati emozionali intensi, come tachicardia e una sorta di inaridimento della vita. Le sue descrizioni dettagliate e le esperienze vissute in quel momento hanno contribuito a far conoscere e diffondere questa sindrome.

Il disturbo è stato individuato e analizzato per la prima volta nel 1977 dalla psichiatra fiorentina Graziella Magherini, che descrisse alcuni casi di turisti stranieri in visita a Firenze colpiti da episodi acuti e improvvisi di sofferenza psichica, di breve durata. Questi pazienti, prevalentemente uomini, con un buon livello di istruzione, viaggiavano da soli e provenivano dall’Europa occidentale o dal Nord America. Erano, inoltre, molto interessati agli aspetti artistici del loro viaggio. 

I sintomi del disagio si manifestavano poco dopo il loro arrivo a Firenze, spesso durante la visita ai musei e durante l’osservazione delle opere d’arte. Le manifestazioni iniziali non rientravano in un disturbo psichiatrico specifico, ma coprivano diverse aree della psicopatologia tradizionale, dalla psicosi alla nevrosi e dissociazione.

Recentemente, è stato scoperto che anche la musica moderna, con il suo forte impatto psicologico ed emotivo, può indurre stati simili a deliri comuni e allucinazioni, sebbene tali condizioni siano più spesso diagnosticate in ambito psicopatologico.

Dove si sperimenta la sindrome di Stendhal?

La sindrome di Stendhal è stata principalmente osservata e documentata nelle città italiane di Firenze, dove pare si sia verificato il maggior numero di casi, e Napoli. Famose per la loro ricchezza artistica e culturale, queste due città ospitano infatti opere d’arte e capolavori di inestimabile valore capaci di scatenare forti reazioni emotive in alcuni visitatori con particolari condizioni psichiche predisponenti. 

Tuttavia, è importante sottolineare che la sindrome di Stendhal può manifestarsi ben oltre i confini geografici di Firenze e Napoli. I turisti e gli amanti dell’arte di tutto il mondo, hanno in effetti riportato casi di sindrome di Stendhal in vari luoghi, testimoniando quanto i sintomi possano colpire le persone ovunque vi sia la presenza di opere d’arte di grande valore.

Quali sono le cause?

Per comprendere le cause scatenanti della sindrome di Stendhal, sono state condotte diverse ricerche. Gli studi, volti a esplorare i meccanismi neurobiologici alla base di questo fenomeno, hanno rivelato che l’osservazione di opere d’arte attiva specifiche aree del cervello.

In particolare, si è scoperto che questa esperienza provoca una forte stimolazione di:

  • alcune regioni cerebrali, come l’amigdala, la corteccia anteriore del cingolo, la corteccia orbitofrontale laterale e mediale, e lo striato ventrale. Queste aree sono fondamentali per il funzionamento e la regolazione delle emozioni e degli affetti. Giocano, inoltre, un ruolo significativo nella formazione degli stati emotivi sia normali che patologici
  • il sistema dei neuroni specchio, che è fondamentale per la capacità dell’uomo di empatizzare con gli altri. Nel contesto della sindrome di Stendhal, sembra che l’attivazione di questo sistema provochi un fenomeno noto come “simulazione incarnata”. L’osservatore di un’opera d’arte, segnatamente, rivive gli stessi stati emotivi che l’artista ha cercato di comunicare, a livello conscio e inconscio, attraverso la sua creazione.

Alcuni esperti ritengono, infine, che la sindrome di Stendhal sia correlata a esperienze estetiche primarie vissute durante l’infanzia, come il legame emotivo con la figura materna.

 

Sono necessari trattamenti?

La sindrome di Stendhal, nella maggior parte dei casi, è una condizione lieve e transitoria che non necessita di trattamento. In molti casi, allontanarsi dall’opera d’arte che ha scatenato la sindrome può contribuire al miglioramento e alla risoluzione dei sintomi.

Tuttavia, qualora i sintomi dovessero persistere ed essere particolarmente gravi, può essere necessario un intervento medico. Il trattamento può coinvolgere l’uso di farmaci tranquillanti per sedare. l’agitazione e l’ansia.

Quando la sindrome è associata ad altri disturbi, potrebbe essere utile considerare l’approccio psicoterapeutico per affrontare le emozioni e i pensieri legati alla sindrome.

La sindrome di Stendhal rappresenta tutt’oggi per gli studiosi un fenomeno intrigante, ancora tutto da scoprire. La sua natura unica e universale, del resto, ci ricorda l’incredibile potere dell’arte nel suscitare emozioni intense e profonde nell’essere umano.