Sesso

La relazione “affamata”. Cosa accade a una coppia quando manca il sesso

Perché una coppia smette di fare sesso?

Incontra uno psicologo
La relazione “affamata”. Cosa accade a una coppia quando manca il sesso

In una relazione sentimentale l’assenza di rapporti sessuali può ostacolare la serenità dei due partner, riducendo la soddisfazione della coppia.

L’assenza di sesso in una relazione è un problema niente affatto banale.

In alcuni casi, ad esempio, potrebbe anche essere l’elemento che sostiene o condanna la relazione stessa. In un anno medio, nei paesi OCSE, il 70 per cento di coloro che hanno avviato il divorzio ha citato la mancanza di sesso come primo o secondo motivo per separarsi.

Se c’è una generalizzazione che possiamo fare sulle coppie è che la mancanza di sesso è un campanello d’allarme che dovrebbero ascoltare.

Perché il sesso è una parte così importante per tenere due persone vicine?
Perché nel sesso due persone si accettano nel modo più profondo. I lati apparentemente sporchi e vergognosi di noi, le fantasie ribelli e i desideri insoliti, sono legittimati attraverso il sesso. Qualcun altro ci vede e ci accetta come esseri corporei e psicologici. Il sesso simboleggia la fine della solitudine e una riaffermazione della fiducia.

Non osare o voler fare sesso con un partner equivale ad ammettere che non si può essere se stessi in loro presenza.

-Leggi anche: Come superare un tradimento

Il rifiuto di fare sesso

Come se la mancanza di sesso non fosse di per sé già abbastanza gravosa, il clima teso innescato dal desiderio non corrisposto può ulteriormente peggiorare le cose.

A volte, le incomprensioni derivano da una comunicazione poco assertiva. I partner non corrisposti che desiderano un rapporto, ad esempio:

  • Non chiedono in modo chiaro. La ricerca di reciprocità è troppo timida e non viene recepita dall’altro.
  • Non si esprimono con calma, non fanno capire quanto trovano difficile la situazione e non si informano con empatia su cosa potrebbe succedere nella mente del partner.
  • Tendono a passare rapidamente a comportamenti sintomatici in cui la loro delusione e il senso di umiliazione sono agiti piuttosto che discussi: sbattono i piatti, urlano, diventano cattivi. Si sviluppa tutta una serie di conflitti che apparentemente non hanno nulla a che fare con il sesso e tuttavia sono causati dalla sua assenza. Si comincia a litigare sui suoceri e sullo stato della cucina. Chi è stato deluso si comporta sessualmente così male che inizia a sembrare un mostro; riducendo ulteriormente la possibilità che il sesso abbia mai luogo.

Alla fine, il partner “affamato” di sesso potrebbe semplicemente andare avanti e avere un’altra storia, non perché non ami l’altro, ma perché mostrare i propri desideri è diventato così doloroso che la persona è in cerca di un po’ di vendetta.

-Leggi anche: Calo del desiderio. Cosa fare per tenere viva la fiamma

Perché in una coppia è difficile parlarne

Confrontarsi sulla mancanza di sesso è complicato, perché sapere di non essere desiderati fa male. È già abbastanza brutto quando succede a un appuntamento, ma è ancora più triste dover ammettere che si viene rifiutati dal proprio partner all’interno dell’apparente sicurezza e impegno di una relazione a lungo termine.

Il rifiuto ha conseguenze importanti sull’autostima. Si può pensare che qualcosa non vada nel partner, ma più spesso le persone finiscono per ritenere che ci sia qualcosa di rivoltante in loro.

La chiave per un processo di riconciliazione è regolare i sentimenti più selvaggi di rifiuto e disgusto di sé, e cercare di considerare il motivo per cui l’altra parte potrebbe aver abbandonato il sesso.

Perché una coppia non fa sesso

In linea di massima, tutti desiderano il sesso in una relazione.

Quando il sesso non c’è, di solito è perché non vengono soddisfatte – o comunicate – le condizioni che uno o entrambi i partner ritengono necessarie. La parte che rifiuta il sesso ha un problema che non condivide. In segreto pensa: Potrei fare sesso se:

  • ascoltassi di più i miei problemi con la mia famiglia;
  • mi dessi più tempo per fare il mio lavoro;
  • non fossi così cattivo con me nelle faccende domestiche.

Potrebbero essere ragioni più stravaganti. Farei più sesso se:

  • mi permettessi di mettere in atto certe fantasie;
  • se avessi una mentalità più ampia riguardo al gioco di ruolo;
  • se fossi più interessato ai baci;
  • o lo volessi spinto,
  • o potessi essere più sottomesso.

La persona a cui viene negato il sesso di solito non ha avuto alcuna possibilità di ascoltare queste ragioni in termini semplici e gentili. O forse le hanno ascoltate, ma senza rendersi conto di ciò che era veramente in gioco. Non c’è stata una comunicazione adeguata. Pertanto, una raccomandazione classica (anche se artificiale) è che le due parti dovrebbero scriversi una lettera, dal titolo: “Quello che voglio dal sesso”.

Spetta quindi a entrambe le parti prendere sul serio e in buona fede le parole dell’altro. Due persone saranno sempre un po’ incompatibili sessualmente, ma non dovremmo essere così spaventati e arrabbiati per questo da creare una barriera secondaria di dolore, punizione e vergogna.

Dovremmo fare i primi passi per trovare un modo in cui ciò che noi vogliamo e ciò che l’altro vuole possono essere armonizzati.

Ogni volta che avviene una conversazione del genere sul sesso, la coppia migliora in modo critico le proprie possibilità di durare un po’ più a lungo insieme.

Articolo originale: The Sex-Starved Relationship

Incontra uno psicologo